Questo sito utilizza cookies tecnici, analitici e di terze parti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa sul loro utilizzo. Proseguendo nella navigazione consenti l'uso dei cookies.

Olio di Nocciola - Composizione

Chimico-Fisica

La Nocciola della varietà Tonda Gentile Trilobata coltivata in Piemonte, è nota come la migliore al mondo, non solo per il suo gusto ed aroma inconfondibile dopo la tostatura, ma anche per un'eccezzionale e potremmo dire quasi unica, composizione chimico-fisica Il frutto sgusciato si presenta di forma sferoidale trilobata, possiede un'elevata pelabilità ed ha un periodo di conservabilità piuttosto lungo. Oltre ad essere un alimento di altissimo valore energetico (circa 628 Kcal/100 g), è ricca in minerali e vitamine, tra le quali merita particolare attenzione la E, per la sua spiccata caratteristica antiossidante. Nella tabella seguente, in dettaglio, la composizione chimica della Nocciola (100 g): GRASSI MINERALI VITAMINE ALTRO Saturi 4,464 g Calcio 114 mg A Zucchero 4,34 g Monoinsaturi 45,652 g Sodio B Saccarosio 4,2 g Polinsaturi 7,92 g Ferro 4,7 mg B2 0,113 mg Fruttosio 0,07 g Trans Magnesio 163 mg PP 1,8 mg Colesterolo Fosforo 290 mg B5 Potassio 680 mg B6 0,563 mg Manganese 6,175 mg B12 6,3 mg C D E 15,03 mg K 14,2 mcg Folati 113 mcg La sua matrice grassa invece, appunto l'Olio dalla stessa estratto, rappresenta circa il 64% del peso del frutto sgusciato, ove sono ben rappresentate le tre tipologie di Grassi Alimentari indispensabili all'organismo umano per funzionare correttamente. Acidi grassi Saturi, Polinsaturi e Monoinsaturi, così definiti per la loro struttura chimica e presenti in percentuali differenti con largo vantaggio degli ultimi sui primi due: • Grassi Saturi (presenti per circa il 7,5% nell'Olio di Nocciola) - Contenuti normalmente nei cibi di origine animale e più forse noti come "grassi cattivi"; • Grassi Monoinsaturi (presenti per circa il 77,5 nell'Olio di Nocciola) - L'alimento più noto che li contiene è certamente l'Olio Extravergine d'Oliva, universalmente riconosciuto come apportatore di "grassi buoni"; • Grassi Polinsaturi o Grassi Essenziali della serie OMEGA (presenti per circa il 15% nel'Olio di Nocciola) suddivisi ancora in: 1. Acido Linoleico (Omega 6) 2. Acido Alfalinoleico (Omega 3) - Generalmente presenti nel pesce e noti appunto come Grassi Essenziali, poichè l'organismo non è in grado di sintetizzarli partento da altre sostanze. Definiti anche loro "grassi buoni". E' quindi intuibile quanto quest'Olio, sia completo e sano, poichè nella sua composizione vengono rappresentate in maniera equilibrata le tre tipologie di grassi alimentari indispensabili al fabbisogno dell'organismo umano. Al solo scopo esemplificativo, confrontiamo nella tavola seguente le quantità dei grassi di cui si è parlato in precedenza, presenti sia nell'Olio di Nocciola che in quello Extravergine d'Oliva: su 100 g di prodotto Olio di Nocciola Olio Extravergine di Oliva Acidi Grassi Saturi 7,4 g 13,808 g Acidi Grassi Monoinsaturi 78 g 72,961 g Acidi Grassi Polinsaturi 10,2 g 10,523 g il confronto è oggettivamente sorprendente! I dati riportati in tabella, in conclusione, naturalmente nulla togliendo all'Olio d'Oliva vanto dell'enogastromia Italiana, preso a confronto come la massima espressione degli oli vegetali vergini; ci supportano nell'affermare che l'Olio di Nocciola sia un prodotto di grande pregio particolarmente indicato per un'alimentazione sana.