Questo sito utilizza cookies tecnici, analitici e di terze parti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa sul loro utilizzo. Proseguendo nella navigazione consenti l'uso dei cookies.

Olio di Nocciola - Storia ed Origini

Le prime testimonianze dell'Olio di Nocciola risalgono all'epoca del Bronzo.

Nella regione nota con il nome di Gallia Cisalpina, comprendente anche l'attuale Piemonte, l'Olio di Nocciola rappresentava la principale fonte di grasso alimentare per il generoso apporto oleico e la facile reperibilità del frutto.

Tra il '500 ed il '600 l'Olio di Nocciola trova largo impiego nelle ricette tradizionali della cucina povera Piemontese; ma la sua più recente storia ci riporta alla seconda guerra mondiale con l'introduzione della tessera annonaria.

Nel mese di Gennaio del 1940 gli Italiani vennero informati circa la decisione del Governo di munire la popolazione di un documento nominativo, provvisto di un certo numero di cedole, per l'acquisto di commestibili in giorni ed in quantità prestabilite. La guerra in corso, avrebbe infatti impedito gli approvvigionamenti attraverso il Mediterraneo, così da rendere necessario il razionamento dei generi alimentari: furono infatti subito limitati zucchero e caffè. Ben presto, però, e nei mesi immediatamente a seguire, il razionamento coinvolse praticamente tutti i generi atti a soddisfare i bisogni dell'individuo... sapone e vestiti inclusi. Tra questi meritarono una particolare attenzione i grassi: fu reso obbligatrio, per produttori e commercianti, dichiarare le quantità prodotte e vendute di olio d'oliva; burro; strutto o lardo e le stesse concesse complessivamente, per singola persona, nella misura di 500 g al mese.

Contemporaneamente fu imposto l'obbligo dell’ammasso per i prodotti agricoli: ovvero il loro conferimento a prezzo imposto presso i magazzini controllati dal regime. Questo disperato scenario di guerra, reso ancor più gravoso per una realtà agricola già duramente provata, fu decisivo per la ricomparsa dell’Olio di Nocciola.

Ingegnosità ed intelligenza fecero il resto! Così fu che i più intraprendenti agricoltori Piemontesi, rigorosamente di notte ed al riparo da sguardi indiscreti, sopperirono al loro fabbisogno di grassi alimentari estraendo olio dalle nocciole con torchietti artigianali.

Le pietanze povere disponibili sulla loro tavola, erano così insaporite da questo prezioso olio vegetale. Non stupisca quindi che i piatti della tradizione Piemontese come la Carne cruda all'Albese, i Ravioli del Plin o la Bagna Cauda, per citarne solo alcuni, nella loro preparazione più fedele, richiedano un olio altrettanto Piemontese come l'Olio di Nocciola.

Immutato nei millenni, rimane oggi un prezioso alleato in cucina: ideale condimento per verdure, formaggi, minestre e zuppe di legumi o cereali, carni crude, carpacci di pesce, frutta e dolci. Oltre alla buona tavola, grazie alle sue proprietà, l'Olio di Nocciola è oggi largamente impiegato in campo medico oltre alle innumerevoli applicazioni in quello cosmetico.

 

Olio di Nocciola... la vera storia!

"... A quei tempi la vita in campagna non era certo facile, si forse meglio che in città. Ad ogni modo il "pane" si sudava. Grazie al cielo, non ci lamentiamo, non ci è mai mancato niente; tutto però era fatto a mano: la cura delle viti, la coltivazione dei campi, i raccolti. Il nostro unico aiuto era la vacca, che in più, ci dava quel poco di latte da mangiare ed il vitello. Poi è venuta la guerra e le cose sono diventate ancora più difficili. Durante la trebbiatura un incaricato dello stato veniva a controllare quanto grano trebbiavamo, per noi non rimaneva una grossa quantità, quasi tutto era destinato all'ammasso. Il vino, anche quello, si cercava di venderlo, noi usavamo quello meno buono, mischiato un pò all'acqua dopo che lavavamo le botti. Era difficile anche riuscire a comprare i prodotti, avessimo avuto anche tanti soldi. Mi ricordo che la sera, di giorno non si poteva perchè qualcuno avrebbe potuto vederci, mettendo dei teli alle finestre, spremevamo nocciole, anche per tutta la notte, per avere un po' d'olio di nocciola in più; l'olio che potevamo comprare con la tessera era poco, non bastava. Allora con quel torchietto, procurato da dei parenti che lavoravano nelle ferrovie, non ricordo però da dove arrivasse, facevamo l'olio di nocciola. Schiacciavamo le nocciole una volta, lasciavamo riposare e poi di nuovo a spremere. Poi sbriciolavamo quelle già schiacciate ed ancora nel torchio per tirare fuori ancora quel poco d'olio nocciola che rimaneva. Le nocciole che rimanevano, non si buttavano mica, si faceva magari la torta di nocciole o si mangiavano così tostate."

(da un racconto di "Nonna" Egle Penasso)